Home Drammatico Poldark: recensione dell’episodio 1×02

Poldark: recensione dell’episodio 1×02

23 min read
0
0
45
Poldark puntata 2 stagione 1

Benvenuti a questa nuova recensione sulla seconda puntata della serie tv britannica Poldark. Sono appena tornata dalla Cornovaglia del XVIII secolo, parcheggiando la mia carrozza in seconda fila, per fare un’attenta rassegna su questo episodio. Avete iniziata a vederla? Ancora no!! Bè spero che questo articolo vi esorti a guardarla ma badate bene, ci saranno molti SPOILER!

Poldark Ross

Ma dove eravamo rimasti?

PREVIOSLY ON POLDARK

La scorsa puntata abbiamo lasciato lo sfortunato Ross Poldark, che tornato in Cornovaglia dopo aver passato tre anni in America come soldato nella guerra d’indipendenza, trova a casa sua una realtà totalmente mutata da come l’aveva lasciata. Il padre è morto, gli affari di famiglia in fallimento e la sua amata Elizabeth sposata con suo cugino Francis Poldark. Demoralizzato da tutti questi eventi, Ross in qualche modo tenta di riprendere in mano le redini della sua vita, progettando, innanzitutto, di riavviare le miniere di stagno, lasciate in eredità dal padre, con una piccola somma di denaro che è riuscito a mettere insieme vendendo degli oggetti di famiglia al mercato. Proprio quel giorno, casualmente, si imbatte in una misera ragazza, Demelza Carne che, dopo averla salvata da un pestaggio, decide di prenderla come sua domestica.

RECENSIONE DELL’ EPISODIO 2

“Ti scorre nelle vene” direbbe tuo padre. “La vita in miniera la si ha nel sangue, come una vena di rame, questo è il pane della vita. Mangia, dormi, vivi e respirala!” La miniera è la tua salvezza e la tua rovina. Ti rende spericolato, ti rende coraggioso. Parecchi compagni sono morti e molti altri ancora seguiranno. È una follia, finirà nella disperazione. Vostro padre se ne è andato prima del tempo, ecco cosa gli ha fatto e non sarà nemmeno l’ultimo e se lui fosse qui, ora, vi direbbe di non fare lo stesso errore.Jud – Stagione 1, puntata 2

La seconda puntata di Poldark si avvia con questo discorso che il servo Jud proferisce a Ross, usato come asincronismo ad una sequenza di immagini: inizialmente della miniera di Wheal Reath con affisso un atto di notifica di chiusura; poi della ribellione di alcuni operai verso le guardie inglesi a causa dei sigilli apposti alle porte d’entrata della cava; ed infine la preparazione di un nobil uomo mentre si sta abbigliando con parrucca e profumo per poi, soltanto all’ultimo momento prendere una pistola e spararsi.

Poldark

Con questa alternanza di inquadrature guidate dalla voce di Jud, si apre la trama della seconda puntata, in cui si mette in evidenza il problema delle chiusure delle miniere a causa dei debiti dei proprietari e l’abilità della famiglia Warleggan nel sapersi approfittare delle loro debolezze per aumentare i loro profitti, portandoli successivamente alla rovina. Proprio come è accaduto all’uomo che si è suicidato nella scena iniziale, Lord Basset e di cui, una volta sparsa la notizia della sua morte, i Warleggan ne parlano con noncuranza e non sentendosi minimamente in colpa.

Poldark puntata 1

Il fallimento della miniera di Wheal Reath ha implicato la mancanza di lavoro per molti operai, tra cui Jim Carter (Alex Arnold), un giovane ragazzo, nonché affittuario e amico di Ross che, non potendo più mantenere la madre e le sorelle, chiede aiuto all’uomo che, per quanto non se la stia passando bene finanziariamente, lo assume come bracciante per gli impieghi nella sua tenuta.

Il personaggio di Ross Poldark, seppur sia molto sfortunato, è un uomo generoso ed idealista che non ha paura di prodigarsi per gli altri, anche se lui stesso ha qualche arretratezza economica. Anche se le miniere della sua città stanno chiudendo, lui aspira ad una probabile apertura ed agibilità delle sue cave, vedendoci un potenziale per quanto riguarda l’estrazione del rame, in modo tale da ridare lavoro agli operai che lavoravano a Wheal Reath. Un’impresa talmente ambiziosa tanto da proporre a suo cugino Francis di riaprire Leisure insieme.

Tra progetti e preoccupazioni per i suoi amici, il pensiero di Ross va sempre e comunque ad Elizabeth infatti, anche avendo ricevuto un falso “no” dalla donna, non può fare a meno di ricordare i loro momenti passati insieme prima che lui partisse per la guerra. È talmente preso da se stesso e dalle sue faccende che non nota che Demelza, oltre ad essersi trasformata in una perfetta cenerentola, non fa altro che osservarlo continuamente, incuriosita da ciò che l’uomo è e fa, lasciando intendere al telespettatore un primo interesse della ragazza riguardo a Ross.

Poldark 1x02

Nel frattempo, in questa puntata si approfondisce la conoscenza del personaggio di Verity (Ruby Bentall), sorella di Francis e venticinquenne non maritata, cioè in stato di decomposizione per gli uomini di quell’epoca. La donna, per poter uscire finalmente di casa e smettere per qualche ora di fare da balia a suo padre, ovvero il carissimo zio Poldark, chiede come favore al cugino Ross di accompagnarla al ballo annuale, dove incontra e conosce il capitano Andrew Blamey  (Richard Harrington) e tra i due nasce da subito un interesse.

Durante la festa Ross, oltre a stuzzicarsi con battutine al veleno con George, riesce ad ottenere, grazie all’aiuto del suo banchiere, una riunione con dei probabili investitori che verrà fatta nei seguenti giorni. Nel corso dell’ennesima conversazione con l’insistente signorina Teague (Harriet Ballard), che fa di tutto per provarci con il bel Poldark , Ross nota che al ballo sono presenti anche Elizabeth e suo marito, pertanto, sbarazzandosi prontamente dell’appiccicosa ragazza e senza pensarci due volte, Ross decide di invitare a ballare Elizabeth che, in un primo momento cerca di rifiutare, ma poi, spinta dallo stesso Francis, alla fine cede ed accetta.

Devo aprire una parentesi su questo personaggio. Francis sapeva della passata infatuazione tra Ross ed Elizabeth, tanto che lo stesso Ross nella prima puntata stava lasciando quasi annegare il cugino in uno pozzo della cava perché metteva il dito nella piaga al suo dolore per aver perso la donna che amava. Allora, mi domando, che bisogno c’era di far ballare questi due insieme? Lo sanno anche i muri che sti due si piacciono, possibile che solo lui è talmente cieco da non accorgersene? A quanto pare sì!

PoldarkElizabeth e Ross

Infatti, mentre i due ballano, il fetente George mette la pulce nell’orecchio a Francis su quello di cui tutti già si erano accorti, ovvero che Ross ha molte attenzioni verso Elizabeth e lei a sua volta sembra accettare di buon grado queste attenzioni, insinuando così nell’uomo gelosia. “Buongiorno, ci siamo svegliati! Era ora!”

Ma d’altra parte anche Verity fa notare questa cosa a Ross, che frustrato dal chiacchiericcio della gente e provocato ancora una volta  dal giovane Warleggan, lascia il ballo per buttarsi tra le braccia della prima prostituta che incontra. In realtà la cara ragazza, che fa il lavoro più vecchio del mondo, era già apparsa in una scena iniziale insieme a George facendo intendere che i due erano stati insieme, ma Ross questo non lo sa e dopotutto è anche lui un uomo e necessita di sfogare i suoi istinti, visto che Elizabeth gli ha dato forfait.

Cambio di scena. È ormai mattina e Ross, tutto bello soddisfatto, torna finalmente a casa, ma non prima di aver fatto una sosta in spiaggia per fare un bel bagnetto rigenerante in mare tutto gnudo come mamma l’ha fatto. Naturalmente Demelza, che si trovava casualmente da quelle parti per raccogliere delle profumatissime margherite, non può fare a meno di spiarlo. CHIAMALA STUPIDA!!!

Poldark 1x02

Passano i giorni ed è arrivata la fatidica data dell’incontro con gli investitori e Francis, facendo trapelare sempre più la sua intelligenza e divenuto grande amico di George lo strozzino, decide che dopo quello di cui è venuto a conoscenza e visto alla festa tra Ross ed Elizabeth, di non voler più aprire le miniere con suo cugino. A dispetto di ciò Ross va alla riunione e riesce ad ottenere gli investimenti che gli servivano per rimettere in moto la sua attività.

Intanto si è sparsa la voce che Verity si è invaghita del capitan Blamey, tanto che il pettegolezzo è arrivato persino alle orecchie dello zio Poldark che, a causa della diceria sulla presunta morte della moglie del capitano per sua mano, non approva l’unione tra i due e obbliga la figlia a non vederlo più. In verità la moglie di Blamey è deceduta per un malaugurato incidente avvenuto durante un loro litigio e pur sapendo ciò Verity è convinta della buona fede dell’uomo tanto da volerlo continuare a vedere di nascosto.

Poldark puntata 2 stagione 1

Per amor della cugina Ross decide di far avvenire i loro incontri nella sua tenuta ma ben presto lo zio Poldark e Francis lo vengono a sapere, tanto da scatenare un duello tra il fratello di Verity e il capitano che porta alla sanguinosa conclusione del grave ferimento di Francis ed l’inevitabile fine del rapporto tra Verity e Blamey.

Poldark duello 1x02

Lo zio Poldark, malgrado Ross abbia salvato la vita a suo figlio curandogli le ferite, lo considererà il responsabile di tutto ciò che è capitato, tanto da dirgli di essere la disgrazia per il nome della famiglia Poldark. Inoltre, per mettere la famosa ciliegina sulla torta, Elizabeth, avendo dapprima ringraziato Ross per aver salvato la vita di suo marito, gli fa annuncio di aspettare un bambino.

Ross, pressocché stanco e stressato da questa continua malasorte e da questa sottospecie di famiglia che si ritrova, decide di dedicarsi alla sistemazione dell’unica cosa andata bene in questa puntata: LE MINIERE. Mentre Jim e gli altri danno una mano nella sistemazione, Ross per la prima volta si trova ad osservare Demelza, accorgendosi di quanto sia indispensabile e preziosa nella sua tenuta, ma sebbene se ne renda conto, offre alla ragazza l’opportunità di tornare dalla famiglia se sente che quello è il suo posto.

Ma la ragazza gli risponde con un semplice  “Il mio posto è qui” e così, con un timido sorriso di Ross, termina la puntata.

Poldark stagione 1

Concludendo

Facendo una veloce analisi della puntata si possono notare due elementi importanti: il paragone tra i personaggi e la velocità degli avvenimenti.

La comparazione tra i personaggi di Verity ed Elizabeth si avverte subito, anche perché è la stessa Verity che lo asserisce in una scena, affermando che la sua vita non è come quella della cognata. Verity non è la signora della casa e non è libera di uscire quando vuole, è semplicemente una venticinquenne, senza marito, che si occupa di tutto e di tutti. Insomma Elizabeth è la donna bella, intelligente e che spicca ad ogni occasione, mentre Verity è la classica ragazza che non eccelle in bellezza, noiosa e che non primeggia. Non voglio dire che il suo personaggio sia brutto e monotono, anzi tutt’altro, ha un ruolo fondamentale per le puntate che si susseguono, ma raffrontandosi con quello di Elizabeth, il suo personaggio viene inevitabilmente oscurato dalla presenza della cognata.

Un altro confronto avviene con i personaggi di Francis e Ross, specialmente nel modo di affrontare la faccenda delle miniere e di trattare la situazione tra Verity e il capitan Blamey.

Francis, a differenza di Ross, non ha mai avuto responsabilità nella sua vita, colpa senza dubbio del padre che non gli ha mai permesso di imparare a dirigere il suo patrimonio e la sua eredità,  ma nel momento che può farsi valere prendendo un po’di spirito d’iniziativa, utilizza l’alibi della gelosia, per tirarsi indietro. Stessa cosa accade con la vicenda della sorella, che invece di parlare e comprendere la veridicità del rapporto tra lei e il capitano, Francis cerca solo di non far macchiare il buon nome della famiglia, divenendo la figura perdente agli occhi di tutti, evidenziato con la sconfitta nel duello con il capitano.

Per quanto riguarda l’amore che è sbocciato tra Verity e Blamey, tutto si svolge molto rapidamente, forse un po’ troppo. Uno sguardo tra i due appena arrivati al ballo, due chiacchiere al volo e la scintilla d’amore si è accesa talmente in fretta che il capitano già vuole parlare con il padre di lei. Un amore che nasce troppo velocemente, come celere è anche la sua fine, senza aver sviluppato incontri e situazioni che facessero intendere al telespettatore un minimo di storia tra loro due.

A proposito del personaggio di Demelza, seppur si sia visto appena in questa puntata, in quelle poche scene si può riscontrare la sua graduale evoluzione sia caratteriale che fisica. Continua ad essere la ragazza sgraziata e leggermente rozza, ma che non ha paura di dire quello che pensa. Ha un carattere forte quando la situazione lo richiede e lo si capisce nelle risposte che dà, non solo a Jud e Prudie, ma anche al suo stesso padrone Ross. Demelza, non è soltanto acuta ma è anche molto curiosa. Quando osserva Ross ne rimane attratta per quello che fa, esplorando i suoi oggetti e cercando di capire quello che l’uomo prova, tanto che alla fine, sente di “appartenere” a lui e al luogo in cui si trova, come dimostra la battuta finale “I belong here”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *