Home Drammatico Outlander: Recensione 2×05 “Untimely Resurrection”

Outlander: Recensione 2×05 “Untimely Resurrection”

34 min read
0
0
91
Outlander 2x05

Mi aspettavo grandi cose in questa puntata di Outlander e invece non è stato assolutamente così! Dopo l’episodio 2×04 in cui è successo di tutto e di più, si è ritornati ad una narrazione fiacca e lenta e quelle situazioni, che sembrano apparentemente risolte, si sono di nuovo riproposte facendo diventare questa puntata peggio di una soap opera che dura da 20 anni. Non ha aiutato nemmeno la ricomparsa di un vecchio personaggio che a causa del promo, il quale ha fatto un mega spoilerone non solo della quinta puntata ma anche della sesta, ha rovinato l’effetto sorpresa che doveva dare al telespettatore.

Baciamano

Nel finale della scorsa puntata do Outlander eravamo rimasti ad una cena che si era trasformata in una scena alla SmackDown, in cui Jamie e Murtagh malmenavano Mr. Hawkins e il Visconte, poiché pensavano che Alex Randall avesse stuprato la giovane Mary. Questo quinto episodio si apre da dove eravamo stati interrotti, la voce narrante di Claire ci racconta ciò che accaduto dopo lo scontro tra gli uomini mentre la telecamera ci fa vedere la sistemazione della sala da pranzo e del salone da parte dei servitori di casa Fraser, per riassettare tutto il macello lasciato. Claire, aspettando con ansia che il marito faccia ritorno, ci narra di come all’improvviso siano entrati i gendarmi nell’abitazione, arrestando i cinque uomini e fraintendendo completamente la situazione creatasi.

kiss 2    kiss 3

Divenuta ormai mattina, finalmente Jamie è rincasato, dopo aver passato una notte nella Bastiglia è riuscito ad uscirne grazie all’autorità del ministro Duverney che ha fatto rilasciare sia lui che Murtagh. Alex, al contrario, non è stato liberato poiché lo zio di Mary ha accusato formalmente l’uomo proprio perché lo ha visto molestare la nipote nel salotto di casa Fraser e quindi, seppur sia tutto un equivoco, la scarcerazione di Alex Randall dipende interamente dall’intervento della ragazza in persona.

Claire e Jamie

Mentre moglie e marito parlano di ciò che è successo la sera precedente, Claire spiega a Jamie cosa è realmente accaduto quando sono stati assaliti, dichiarando che i malviventi erano ben vestiti, che si esprimevano in un francese aristocratico e che alla fine i delinquenti erano scappati perché l’avevano scambiata per la Dame Blanche, una figura mistica simile ad una fattucchiera. Sentendo queste parole Jamie cambia immediatamente espressione dicendo alla moglie che una sera, quando era alla Maison Elise in compagnia del Bonnie Prince ed di altri uomini, aveva accennato di essere sposato con la Dame Blanche per evitare che venisse spinto dal principe tra le braccia di una sgualdrina e che non passasse ai suoi occhi come un uomo poco virile. “Ma santo cielo non sai dire semplicemente che non sei interessato perché ami tua moglie e vuoi esserle fedele?!”

la dame blanche

Non mi capacito di come Jamie possa essere diventato così coglione da quando è arrivato nella nazione francese, lui continua a giustificarsi con la moglie, abbastanza infastidita dalla situazione, dicendole che quando è successo tutto ciò era leggermente alticcio poiché aveva bevuto un po’ troppo. “No vabbè, qua stiamo arrivando a livelli di ridicolosità assurdi! In Scozia stavano bruciando sul rogo Claire perché pensavano che fosse una strega e adesso Jamie se ne va in giro a gridare ai quattro venti che è sposato con una fattucchiera?! Ma sta fuori??”

Per fortuna facendo attivare quei due neuroni rimasti nel cervello, Jamie arriva alla supposizione che, chi ha aggredito Claire e Mary, siano dei clienti della Maison Elise e che molto probabilmente siano stati ingaggiati dal conte St. Germain.

Di tutta questa faccenda quello che sicuramente comprendo è che Claire ama profondamente Jamie e senza scassare ulteriormente la minchia al marito, decide di sorvolare la questione della Dame Blanche per andarsi a coricare tra le sue braccia visto che ha passato la nottata in bianco.

Bacio

Trascorrono i giorni e Jamie, avendo ordinato a Murtagh di seguire St. Germain per scoprire qualcosa sull’aggressione a Claire, viene a sapere dall’uomo che alcuni clienti del noto bordello fanno parte di una società segreta, chiamata Les Disciples. Questi sono degli aristocratici che si aggirano per le strade a volto coperto a caccia di prede da derubare e violentare e che, per entrare a far parte di questa società, bisogna necessariamente abusare di una vergine, come è accaduto giustappunto a Mary. Murtagh, rendendo note queste informazioni a Jamie, si sente sempre più in colpa per non essere stato in grado di salvaguardare sia Claire che la giovane amica della donna e per farsi perdonare giura all’uomo che troverà chi c’è dietro a tutto ciò.

mary e Claire

Nel frattempo, Claire è andata a trovare Mary per sapere come sta e per darle un aiuto medico per le sue ferite fisiche ma soprattutto psicologiche, ma la ragazza, seppur traumatizzata da ciò che ha subito, è riuscita ad essere tanto lucida da scrivere una lettera in cui proclama l’innocenza di Alex. Impossibilitata dall’uscire di casa poiché lo zio la tiene rinchiusa, perché divenuta una ragazza disonorata, Mary chiede il favore a Claire di consegnare lei la lettera all’autorità della Bastiglia per fare in modo che Alex possa essere scarcerato e tornare da lei per sposarsi.

Mary

Claire sapendo che la discendenza di Frank dipendesse unicamente dall’unione tra Mary e Jonathan Randall, inizialmente è titubante nel voler recapitare la lettera, tanto da pensare di bruciarla, ma poi, facendo la cosa più appropriata, dà l’epistola all’autorità della prigione e fa liberare Alex. Alla sua assoluzione però Claire tenta di convincere l’uomo a non tornare da Mary e di lasciarla per sempre poiché, essendo stato licenziato dal Duca di Sandringham e compromessa la sua posizione in società, non può dare un futuro radioso alla ragazza e Alex convinto dalle parole di Claire acconsente.

Alex e Claire

Intanto, il Bonnie Prince va a fare una nuova capatina dal suo amico Jamie dandogli eccellenti notizie: le Comte St. Germain è disposto a finanziare la rivolta giacobita con ben 10.000 sterline.

bonnie

Dopo esser stato abbandonato dal Duca di Sandringham come investitore per la sua causa, il principe ha trovato nel conte un nuovo finanziatore che, seppur sia a corto di liquidi, darebbe la metà del ricavato della vendita di un vasto carico di Modeira portoghese, se riuscisse a trovare un socio in affari che possa acquistare il carico per poi, nel momento della nuova vendita, cedere metà dei profitti alla causa giacobita.

Charles e Jamie

Per il principe, Jamie è il socio in affari perfetto e, non potendo proprio rifiutare la proposta, il giovane scozzese accetta.

Sorriso

Così il Bonnie Prince, lanciando verso Jamie il suo solito sorriso smagliante, festeggia la lieta notizia aprendo una bella bottiglia di Borgogna e proclamandosi elogi da solo:

Il re ha condotto una vita terribile colma di sventure. E ora io sono pronto per porgere ai suoi piedi il dono più meraviglioso che ci possa essere, il trono della Gran BretagnaBonnie Prince - Stagione 2, puntata 5, Untimely Resurrection

“Si Bonnie l’importante è crederci!!”

incontro

Il principe ha pensato proprio a tutto, tanto da avere già organizzato l’incontro tra Jamie e le  Comte St. Germain. Indovinate dove avverrà? Alla Maison Elise naturalmente! Stessa storia, stesso posto e stesso bordello direbbe Max Pezzali in questo caso! “Sì, ricominciamo un’altra volta con sto dentro e fuori da sta Maison mi raccomando! Che palle!”

conte st germain

I due uomini, che dovrebbero essere lì per l’affarone dei vini, piuttosto che parlare di prezzi e rapporti vendite, non fanno altro che imbruttirsi a vicenda e le Comte, che non può fare a meno di punzecchiare Jamie su come sua moglie abbia tentato più volte di rovinare i suoi affari, porta all’esasperazione l’uomo scozzese che non potendone più replica a St. Germain in una maniera paurosamente tagliente e con un sorriso talmente beffardo da non volermi assolutamente trovare nella posizione del conte bastardo:

Jamie e st germain

Visto che avete nominato mia moglie, fatemi chiarire: qualcuno ha attentato di avvelenarla e l’hanno assalita per strada. E hanno stuprato la sua amica. La memoria non tradisce nemmeno me. Quando troverò il responsabile, egli morirà di una morte lunga e dolorosa.Jamie - Stagione 2, puntata 5, Untimely Resurrection

Le Comte

Dalla faccia che fa St. Germain sembra che le parole di Jamie lo abbiano abbastanza colpito e così per far finire l’incontro in bellezza il conte gli riferisce che la merce la reperirà da solo e che resterà al sicuro nei suoi magazzini finché Jamie non troverà un compratore, in modo che nessuno possa danneggiare nuovamente i suoi affari.

Concluso il meeting vinicolo, Jamie torna a casa da Claire e le racconta tutto supponendo che, se l’affare con il conte andrà in porto, senza dubbio il principe Charles troverà facilmente altri investitori. Pertanto a Claire viene in mente un’ idea a dir poco geniale per evitare che accada tutto ciò, ovvero simulare un contagio di vaiolo fra la ciurma della nave di St. Germain, convincendo tutti che la merce sull’imbarcazione sia stata contaminata e che per forza di cose deve essere distrutta. Insomma, fare ciò che hanno fatto nella prima puntata, ma in questo caso fingendo il contagio di vaiolo. Così pianificato per bene il piano Jamie fa una sorpresa a Claire facendo un dono di battesimo per il loro piccolo. E che cosa sarà mai? Una collana? Un giocattolo? Una spilla? Macché niente di tutto ciò! Jamie regala al piccolo e alla sua mamma i 12 cucchiai degli apostoli, tutti rigorosamente placcati in argento.

omaggio

Cercando di immaginarmi che caspita ci possa fare un bambino con tutti sti cucchiai se non mangiarci le possibili pappette, Jamie spiega alla moglie che quelli non sono dei semplici cucchiai ma bensì cucchiai tramandati dalla sua famiglia da generazioni in generazioni. “Wow deve essere una cosa fantastica, ma per me rimangono dei semplici cucchiai”.

Claire colpita dall’omaggio (anche se secondo me sperava in un paio d’orecchini, visto che anello e perle già le ha ricevute), si fa prendere dall’ansia:

Claire: Non posso fare a meno di chiedermi se sarò brava a fare la madre. Sono un’infermiera, so come far nascere un bambino, come nutrirlo, come prendermene cura quando sta male, ma quello non vuol dire essere madre. Di mia madre ho solo un flebile ricordo, nulla che possa veramente guidarmi.

Jamie: Quello che non sai, lo imparerai. Impareremo insieme.Jamie e Claire - Stagione 2, puntata 5, Untimely Resurrection

Ti amo

E con un ti amo reciproco e un bacio tenerissimo e romanticissimo, si chiude questa scena per venire immediatamente catapultati durante una mostra di cavalli nei giardini della Reggia di Versailles.

Versailles

Jamie è impegnato a scegliere un buon stallone da far acquistare al Duca di Sandrigham, mentre Claire è occupata in un illuminante chiacchierata con Annalise De Marillac sull’unica cosa che accomuna le due donne, ovvero Jamie.

chiacchiere

Durante la conversazione, inaspettatamente Annalise riferisce a Claire che c’è un uomo che la sta fissando insistentemente e mentre la donna cerca di scorgere chi è il guardone che la osserva, si viene a scoprire che altro non è  che Jonathan Randall.

e il re? che si fotta il re

Non ero per niente sorpresa da questa apparizione poiché, come detto precedentemente, si era capito benissimo del suo ritorno nel promo, Claire e il capitano attuano un esemplare dialogo in cui, se le parole potessero ferire e gli sguardi uccidere, l’uomo sarebbe bello che morto. Ma Jonathan Randall, dal gran bastardo impertinente quale è, non vuole proprio lasciar andare la donna, specialmente dopo che ha saputo che c’è anche Jamie nei dintorni, facendomi appurare che il capitano è ancora completamente ossessionato per il nostro protagonista, anche dopo averlo spezzato e posseduto. “Sei uno schifoso e devi morire!”

re

Per fortuna arriva Luigi XV che, dopo esser apparso nel secondo episodio di Outlander con il suo problema di costipazione, è praticamente sparito dalla serie. Ritorna in questa quinta puntata con tutto il suo splendore, ma soprattutto con tutti i suoi poteri e tutto il suo ascendente monarchico che mai come in questa scena ho adorato intensamente.

ridere

Il re, facendo conoscenza del capitano inglese, capisce immediatamente che persona si trova davanti così il sovrano beffeggia deliberatamente Jonathan Randall, non solo agli occhi della nobiltà francese ma soprattutto davanti a Claire e a Jamie, il quale si è potuto prendere una piccola rivincita verso l’uomo.

capitano supplica     ridere

Il re sa che non può essere obiettato e quindi si permette, non soltanto di schernire il capitano per il pessimo accento francese e per l’orrendo colore dell’uniforme, ma lo fa letteralmente supplicare in ginocchio per la richiesta di riabilitazione della posizione del fratello Alex.

chiacchiere

All’arrivo di Jamie durante il colloquio tra Claire, BlackJack e il re francese è palpabile l’aria tagliente che si crea tra i personaggi, soprattutto tra lo scozzese e il capitano inglese tanto che, senza nemmeno guardarsi reciprocamente in faccia, si scambiano battute sulla loro salute fisica dopo l’ultima volta che si sono visti.

duello

Successivamente ritirandosi tutti e tre dalla presenza di re Luigi XV, Jamie non può proprio fare a meno di commettere stronzate e senza pensarci due volte sfida a duello il capitano, senza riflettere sulle conseguenze che una schermaglia del genere può portare, visto che in Francia duellare è illegale ed è punibile con la carcerazione a vita.

felicità attacco di panico

Nel corso del viaggio di ritorno a casa, Jamie è felice come non lo si vedeva da tempo mentre Claire è in preda ad un probabile attacco di panico e così, all’insaputa del marito, si reca alla Bastiglia e fa rinchiudere il capitano Randall con l’accusa di essere colui che ha aggredito sia lei che Mary in quella famosa, serata seppur sia tutto falso.

Claire

Jamie sempre più convinto di voler duellare contro colui che gli ha rovinato la vita e spalleggiato anche da Murtagh (che questa volta mi ha fatto incazzare come una bestia), quando Claire gli riferisce che ha fatto incarcerate il capitano, non riesce a credere a ciò che ha fatto la moglie. Claire prova in tutte le maniere a farlo ragionare, cacciando dapprima Murtagh dalla stanza per evitare che possa ancor di più incoraggiarlo e poi cerca di spiegare al marito il motivo per cui non deve duellare con Black Jack, ovvero che, oltre ad essere preoccupata per la stessa vita di Jamie, ammazzando Jack Randall ucciderà anche la possibilità della futura nascita di Frank. “Adesso pure Claire ci si mette! Ha fatto due palle al marito perché dovevano cambiare il futuro e ora scassa con Frank?!”

Naturalmente Jamie è super incazzato e non posso dargli torto in questo caso, ma è anche vero che non ha minimamente pensato a moglie e figlio quando ha sfidato Jonathan, non riflettendo sulle possibili conseguenze di una sua perdita al duello. Così Jamie non potendo più tollerare oltre questa situazione, con questa ultima scena fa comprendere appieno come l’uomo si senta, non solo dal ritorno del capitano, ma anche da questa sorta di tradimento che Claire ha attuato verso di lui . Non posso non citare il dialogo che avviene tra moglie e marito perché in questa scena c’è tutto il dolore di Jamie.

gesù Dio Claire dialogo

Jamie: Per questo Jack Randall dovrebbe vivere? Posso sopportare molto più di chiunque altro. L’ho certo dimostrato. Devo per forza tollerare le debolezze di chiunque? Non posso avere anch’io le mie? Non puoi chiedermi questo! Tu tra tutte le persone, Claire! Tu c’eri. Hai visto quello che mi ha fatto.

Claire: Aspetta. Ti chiedo solo di aspettare.

Jamie: No. Puoi fare la tua scelta, Claire. O lui o me. Non posso vivere finché lui vive. Se non vuoi che io lo uccida, allora uccidimi adesso, tu stessa.

Claire: Un anno. Un anno. Poi il bambino, quello di Randall allora sarà concepito, dopo lo giuro, ti aiuterò io stessa ad ucciderlo. Me lo devi, James Fraser. Ti ho salvato la vita, non una volta, ma due. Mi devi la vita.

Jamie: Capisco. E adesso sei venuta a riscuotere il tuo debito?

Claire: Non riesco a farti ragionare in nessun altro modo.

Jamie: Gesù. Dio, Claire. Vorresti impedirmi di vendicarmi dell’uomo che mi ha usato come una puttana? L’uomo che è vissuto nei miei incubi e nel nostro letto. Che mi ha quasi spinto a suicidarmi. Sono un uomo d’onore. Pago sempre i miei debiti. Quindi ora dimmi è questo che mi stai chiedendo? Di pagarti con la vita di Black Jack Randall?

Claire: Si.

Jamie: Un anno allora. Non un giorno di più. Non toccarmi!Jamie e Claire - Stagione 2, puntata 5, Untimely Resurrection

 

Ebbene stiamo punto e accapo tra Jamie e Claire. Sarà la crisi del primo anno di matrimonio? Non lo so più! Sta di fatto che sti due un giorno si amano alla follia, un giorno litigano, un giorno si riappacificano non se ne può più!!! Trovate un accordo di pace perché mi state devastando gli attributi che non ho.

Sebbene il ritorno di Jonathan Randall non sia una situazione facile per il bel Fraser, in questa faccenda del duello non posso dare ragione né a Jamie né a Claire perché entrambi sbagliano:

  • Jamie ha errato a sfidare il capitano perché oltre ad essere illegale in Francia, non gli ha nemmeno sfiorato l’idea che sta per diventare padre e che magari potrebbe morire in quel duello maledetto. “E se muori cosa gli resterà a questo povero bambino? 12 cucchiai?!
  • Claire, seppur abbia fatto incarcerare Black Jack per salvare la vita del marito, la sua richiesta di aspettare un anno per uccidere l’uomo l’ho trovata una pretesa troppo intransigente. E tutto ciò per salvare Frank!? Mi è sembrato piuttosto un desiderio egoistico di Claire come se si volesse redimere in qualche modo per aver abbandonato il primo marito.

Anche la questione dei finanziatori per la causa giacobita si sta protraendo troppo nel tempo. Questa incertezza nell’avere o no gli investitori ha veramente stancato! Se volete evitare questa benedetta rivolta ammazzate Bonnie Prince e basta “porca miseria”, altrimenti preparate le armi e combattete!

Non voglio essere drastica ma i personaggi che creano i problemi principali in questa serie sono due: il principe Charles e Jonathan Randall. Comprendo che sto visionando una serie televisiva e che uccidere direttamente queste figure sarebbe troppo scontato, ma bisogna necessariamente trovare una maniera alternativa perché la storia vada avanti. Non possiamo subirci per 13 puntate che: il Bonnie Prince scassi a puntate alterne sulla possibilità che abbia o no gli investitori; che Jamie e Claire litighino continuamente sempre a causa di Jonathan Randall e delle conseguenze che ha portato nella coppia dopo quello che è accaduto nella prigione di Wentwhort. Per i telespettatori diventa un qualcosa di troppo pesante da guardare ed essenzialmente c’è bisogno di nuovi fatti in cui i nostri protagonisti si debbano approcciare.

La mia rassegna si chiude qui. A voi è piaciuta la puntata? Aspetto i vostri commenti qui sotto. Intanto, vi lascio il nuovo promo della sesta puntata, che non ho voluto volutamente visionare per non rovinarmi altre possibili sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *